3 commenti

BANALITÀ CHE HO VOGLIA DI DIRE

Rosemary Andree 1939 - http://www.tempiespazi.toscana.it/culture/testi/htm/boitani.htmSi, i funerali non piacciono a nessuno. Non è la cerimonia in sè e per sè, io non sopporto veder soffrire le persone che amo, no, non ce la faccio (sto dicendo una banalità, lo so, chi è che ci si divertirebbe? ma in questo momento ho BISOGNO di sfogarmi e quindi fatemele dire queste banalità). Quella sofferenza la sento addosso, la sento fisicamente. Quel dolore diventa anche mio, e fa così male… Ma io poi cosa ne so davvero, io lo posso solo immaginare cosa significa perdere un genitore e già immaginarlo è tremendo, figuriamoci un pò viverlo nella realtà… Povero tesoro mio… non posso fare niente per te, solo starti vicino. Il tempo. Il tempo che sembra non dover finire mai, sempre lì a nostra disposizione…"c’è sempre tempo" … come no. Il tempo, pfui! E’ così poco, e quel poco passa subito. Me lo dicevi oggi… Si nasce e si muore, è così che funziona. E’ la vita, sono le regole del gioco. Lo sappiamo bene, nessuno stupore. Per fortuna si supera tutto, per fortuna (fortuna?) ci si abitua a tutto, il tempo passa e aiuta. Però… boh, ogni cosa perde senso, siamo così piccoli, effimeri… Passa tutto, però… Maledetta vita, che bel gioco del cazzo. Si, meno male che passerà tutto. Anche questa rabbia.

Annunci

3 commenti su “BANALITÀ CHE HO VOGLIA DI DIRE

  1. Ma quante cose possono succedere in un mese, quante ne sono successe, quanti cambiamenti, per me e per te…
    In un anno poi!
    Se penso ad un anno fa, in questo stesso periodo, i giorni a Roma e poi l’estate al mare… allora chi avrebbe mai potuto immaginare, come avremmo potuto? sembra uno scherzo…

    Ecco, non c’è cosa più inutile dei pensieri a posteriori.
    vabè, basta così.

  2. Non sapevo come commentare questo tuo sfogo, qualsiasi parola mi sembrava superflua, fuoriluogo, inappropriata e forse anche inutile. Allo stesso tempo mi dava fastidio lasciare “da solo” il tuo legittimo sfogo… a volte, per eccesso di rispetto, si rischia di sconfinare nell’indifferenza e quindi non mi sembrava giusto lasciarti sola in un momento difficile, oppure lasciarti credere che del tuo stato d’animo non importasse nulla a nessuno.
    Credo che proprio in momenti come questi sia vero che basta il pensiero, la presenza… anche se di un perfetto sconosciuto come me!
    Ti abbraccio
    Enrico

  3. Enrico grazie.
    Per il pensiero, la presenza, l’abbraccio… e la non indifferenza! Apprezzo tantissimo 🙂

    Comunque va meglio eh 😉
    Un bacio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: