5 commenti

MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU!

TVDomenica sera decido di guardare Rino Gaetano su Rai Uno. Contro i mille e più pregiudizi che albergano in me contro le cosiddette fictions, vuoi per l’argomento, vuoi per Claudio Santamaria che ho sempre apprezzato, in uno slancio di coraggio mediatico, anziché fuggire su internet decido di mettermi davanti alla tv.
Giuro che non mi aspettavo di vedere chissà cosa, le mie pretese di spettatore erano e sono modeste, soprattutto nei confronti di questi… prodotti. Ebbene… dopo appena pochi secondi dall’inizio della "fiscion" mi tocca vedere un Claudio Santamaria che beve in maniera fintissima da una bottiglia di whisky evidentemente vuota… Accuso subito il colpo, rimango allibito.
Ma vado avanti. E vedo: il padre di Rino che ha sempre la stessa età, sia quando il figlio ha dieci, quindici anni, sia quando ne ha venticinque, trenta. I genitori stessi sono rappresentati con degli stereotipi di una banalità pazzesca. La cosa più grave, più evidente, secondo me, è proprio la totale assenza di credibilità. Vogliamo parlare della scenografia? Non c’è cosa più terribile per lo spettatore di accorgersi della finzione scenica. La fotografia? Un piattume… mi piacerebbe dire mai visto, invece è il solito piattume delle "ficzion" italiane… I dialoghi poi…
Infine, almeno fin dove ho resistito, ho visto un Rino Gaetano triste, tristissimo, apatico direi… mah! Poi ho spento e ho visto Scoop di W.Allen, avete presente quei film…veri, con veri attori, realizzati da veri registi, vere maestranze…
Aprite gli occhi, please!
Annunci

5 commenti su “MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU!

  1. ho continuato a guardarlo solo per le canzoni di rino …bisogna dare atto claudio santamaria che le ha interpretate molto bene.

  2. sinceramente io invece sono rimasto allibito dalle canzoni. ma non si poteva proprio prendere le originali…non ho resistito oltre la prima che ho sentito.

  3. intanto complimenti per la scelta della foto!E’ molto surrealista, mi piace!
    Per quanto riguarda la cara fiction all’italiana, mi sento letteralmente offesa per la bruttezza di Rino Gaetano. E penso che anche quel mattacchione di Rino si sia un pò risentito!
    Sicuramente la sua vita è stata troppo breve, con un drammatico epilogo ma mi chiedo perchè qualunque storia (per di più una così REALE coem questa) debba essere trasformata, dagli autori italiani, in una banale e stereotipata soap-opera?
    Il rispetto per l’intelligenza dello spettatore dove è finito?
    Per emozionarci abbiamo bisogno di stimoli, non per forza reali, ma almeno realistici…nessuno si ubriaca con una bottiglia vuota, nessun uomo lascia andare la propria donna a prendere una “birretta” con l’amico, se ha appena scoperto che quest’ultimo le abbia scritto una canzone come DECISAMENTE TU!
    Mi sembra più probabile che Rino, che sicuramente aveva un bel caratterino, c’abbia provato in tutti i modi a fregare la donna all’amico.Ieri sera sembrava un ebete sfigatissimo di cui l’amico si impietosisce a tal punto da “donargli” la propria fidanzata!!!
    Non vorrei dilungarmi… ma il cinema per me è come quando da bambina sei veramente convinta che Babbo Natale esista e tutto intorno a te sembra confermarlo, l’illusione è totale e bellisima!
    Solo poi crescendo inizi a notare tante piccole cose che sgretolano inesorabilmente la tua convinzione e ti lasciano un’enorme delusione e una grande nostalgia per l’innocenza perduta!
    Ecco.. questa FISCION è stata solo un accumulo insopportabilmente squallido di dettagli sbagliati e poco credibili!
    Ma al povero Santamaria, che invece di solito è un bravo attore, chi glielo ha fatto fare?

  4. CERCANDO SUL WEB NOTIZIE RIGUARDO ALLA FICTION SU RINO, SCOPRO COSE CHE MI FANNO OFFENDERE ANCORA DI PIU’ E VOLEVO CONDIVIDERLE CON VOI:

    Anna Gaetano, parlando del film, ha detto “la storia è bellissima, stupenda, ma romanzata, non ci riconosco Rino. E` vero che era un donnaiolo, ma non è vero che che era un alcolizzato”. Alla sorella non è neanche piaciuto, così come è stato descritto, il padre che, nel film, è decisamente ostile alle scelte del figlio. Secondo Anna infatti “non avrebbe avuto tutta quella forza per opporsi al figlio”.
    Il direttore della Fiction Agostino Saccà, ha replicato, difendendo a spada tratta il prodotto, realizzato dalla Ciao Ragazzi di Claudia Mori, ribadendo che “è stata fatta una fiction su Rino Gaetano, non un documentario. Tradendo il personaggio, ne raccontiamo la verità profonda”.

    E POI ANCORA, QUESTE DICHIARAZIONI DEL REGISTA:

    ”Nel ricostruire la sua storia – ha proseguito il regista – abbiamo manipolato alcune cose per esigenze di tipo drammaturgico, per esempio, la parte il cui il cantante fa portare, dallo studio di registrazione, un pianoforte nell`androne delle scale, è un episodio realmente accaduto, ma non si registrava la canzone che invece si registra nella fiction, e non succedeva in quella casa discografica. Un altro esempio: abbiamo raccontato la vita di un immigrato che viveva in un seminterrato e che, grazie al successo, riesce a comprarsi una villa. Nella realtà Rino acquistò una casa di campagna, ma, visivamente, abbiamo scelto trasformarla in una villa con piscina”. “La forza di Rino Gaetano è di essere stato un giovane anti-eroe”, ha aggiunto Marco Turco.

    MA ALLORA SE NON CI PRENDONO IN GIRO NON SONO CONTENTI!CHE COSA C’E’ DI PIU’ LONTANO DALLA PERSONALITA’ DI RINO DI UNA VILLA CON PISCINA?E SE NELLA FICTION RESTAVA LA CASA DI CAMPAGNA CHE PROBLEMA C’ERA?
    VERAMENTE NON CAPISCO…
    IL PROBLEMA E’ CHE SONO POCHI I VERI SCENEGGIATORI, E CON LA SCUSA DI RACCONTARE DEI PERSONAGGI FAMOSI CREANO DEI MOSTRI!
    CARO RINO TRANQUILLO… NOI TI ABBIAMO SEMPRE IMMAGINATO DIVERSO DA COSI…COME LA TUA MUSICA!

  5. Dopo ‘sto post jo dato ‘na guardata alla fiscion (di solito nun ne guardo mai perchè quanno m’è capitato m’hanno fatto tutte schifo).
    Ieri sera, ho visto il momento della conferenza stampa del dopo San Remo, e mi so’ bastati quei 5 minuti pe’ cambia’ canale!
    I giornalisti/attori erano ridicoli, neanche alla recita di Natale di mio fijo recitano così male, e purtroppo Santamaria, in mezzo a tanto schifo non è che era tanto meglio. Per me è stato mediocre: cioè, se sta in mezzo ai bravi è bravo, se sta in mezzo agli scarsi è scarso anche lui.
    Ma credo che n’attore come quelli che Enrico ce presenta sul blog deve essere bravo coi bravi e ancora più bravo tra gli scarsi…
    Cmq recitavano tutti da cani, e mi perdonino Lassie, Rex e Rin Tin Tin, ottimi attori.

    Nicola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: