5 commenti

FUORI DAL CORO

BlablablaContestare il papa si può. Anzi, si deve, se esprime concetti con cui non ci si trova d’accordo. Contestare il papa perchè indossa il vestitino bianco, è il capo di quella odiata istituzione che impropriamente viene individuata solo attraverso vescovi e cardinali (e invece è la comunità della gente cristiana), ha la faccia antipatica ed è tedesco, è indice di superficialità, ma al limite va bene lo stesso. Censurare il papa e boicottare un suo intervento senza neanche sapere di cosa deve parlare è una vergogna. Intendiamoci, lo sarebbe anche se la Santa Sede impedisse la parola a Caruso, per dirne uno, ma in quel caso le accuse di oscurantismo sarebbero urlate ai quattro venti, stavolta invece ci sono cori di giubilo in quella che dovrebbe essere la culla della cultura, del dibattito, dello scambio di idee e delle discussioni, e nella quale, a questo punto, quasi rimpiango di essermi laureata. La vicenda peraltro è stata strumentalizzata. La famosa lettera dei docenti è stata scritta tre mesi fa, e guarda caso spunta fuori solo a tre giorni dalla visita, così, tanto per fare casino. Ma in questo paese è tutto così, tutto una strumentalizzazione, perciò di che mi meraviglio? Si è detto che dovevano essere invitati rappresentanti di altre confessioni. Certamente, si poteva fare. Ma tanto per la cronaca l’Italia è un paese a maggioranza cattolica, e questo perchè anche i più irriducibili agnostici si precipitano a far battezzare i propri figli alla nascita, non perchè ci credano, forse perchè è di moda, non so, ma in questo modo non fanno altro che aumentare il numero dei cristiani solo nominali, ma pur sempre cristiani. Per il rispetto delle minoranze, allora, oltre al sindaco Veltroni bisognerebbe invitare intere giunte comunali calabresi, visto che gli studenti che vengono da lì rappresentano una numerosa comunità! E poi non mi risulta che il papa dovesse benedire le aule, sarebbe andato come docente, con un intervento sulla pena di morte, invitato, per inciso, dal rettore. Allora, fatelo parlà poi contestate no?
Se di fronte alle esternazioni di un ometto che non ha nessun potere coercitivo, non fa leggi, non governa, ma può solo eventualmente persuadere, si interviene col boicottaggio, col bavaglio, con la censura, se non c’è nessuno capace di ribattere civilmente e lucidamente allora mi viene da pensare che forse quell’ometto fa paura e forse qualcosa di giusto lo dice, perchè se no non si spiega…
Ooohhh, mi sono sfogata. Lo so, pochi saranno d’accordo con me, io rispetto qualsiasi opinione e critica intelligente o meno, ma amo comunque dire ciò che penso, anche se è impopolare e per alcuni anche stupido. Non c’è gusto a farsi dare sempre ragione.

Annunci

5 commenti su “FUORI DAL CORO

  1. Lo hai scritto tu stessa che questa vicenda è stata strumentalizzata, quindi non cadere nel tranello anche tu!

  2. Ti giuro che sto facendo di tutto per evitarlo. Ho evitato di leggere i giornali che avrebbero portato acqua al mio mulino proprio per non farmi influenzare, l’articolo della Rossanda che hai citato lo guarderò domani on line, sarebbe un errore commentare avendo dato uno sguardo solo all’incipit. Mi sforzo davvero di essere obiettiva proprio perchè so bene che la strumentalizzazione è da entrambe le parti, e purtroppo c’è poca onestà intellettuale da parte di tutta l’informazione, difficile farsi un’idea veramente corretta. Resto comunque dell’idea che a tutti deve essere garantita la manifestazione del proprio pensiero, persino al papa. Oddio, sto a fa’ un comizio, scusate!

  3. sono d’accordo quasi con tutto, pure essendo anticlericale convinta… solo una cosa però… se è vero che non fa politica, allora perchè i bigotti ascoltano e votano come gli dice lui?
    se è vero che non fa leggi perchè i pseudo-cattolici chiedono di continuo che venga abolita la legge sull’aborto?
    E poi… se dopo che ha parlato il nostro amato papa (a me sinceramente piaceva di più l’altro… questo è fondamentalista più dei mussulmani, mia opinione sentendolo parlare… io lo ascolto!) e qualcuno lo contesta allora a momenti si rivolta il paese… se a parlare è un altra persona laica, o peggio ancora laica e politica, allora ben venga… anche se nessuno la ascolta. Hai ragione, sai! Questa è Italia, e si purtroppo siamo uno stato cattolico e in quanto tale ci lasciamo condizionare dalla religione persino in questioni dove la religione dovrebbe starne fuori! Secondo me la religione o meglio la sua strumentalizzazione (non Dio, anche perchè credere in Dio, in qualsiasi Dio è una cosa lecita e anzi degna di rispetto!) è al giorno d’oggi la ragione di tutti i mali! E comunque allora qualcuno mi dica che cosa hanno da spartire le dimissioni del governo col fatto che non hanno lasciato parlare il papa??? Ma per favore… Non hanno lasciato parlare tante persone nelle università perchè le ritenevano scomode, ma solo perchè è il papa ce lo dobbiamo sorbire una settimana intera in tutti i tg? ma dai…

  4. Non intendevo dire che il papa e la chiesa non fanno politica. I cristiani vivono nella società laica e possono esprimere posizione sulle leggi. La chiesa, senza più avere il diritto di imporre le proprie leggi (i tempi cambiano, si progredisce), può orientare le loro scelte, così come gli schieramenti politici fanno per chi è agnostico o laico. Sull’aborto c’è chi dice che è un diritto della donna, chi invece sostiene di no. Io, cristiana per modo di dire, ho ascoltato entrambe le campane ed ho trovato più coerente la seconda, tu suppongo la prima. Non dico di avere ragione, non lo so sinceramente, ma ho scelto la soluzione che in coscienza trovavo più giusta. Tu hai fatto lo stesso, ma anche tu sei stata in qualche modo “sollecitata”. Cosa c’è di male se i suggerimenti arrivano da una parte o dall’altra? Tanto più che l’approvazione della legge con referendum confermò a suo tempo che la maggioranza era d’accordo (cristiani compresi evidentemente), pertanto l’influsso della chiesa non fu poi così potente. E anche oggi, sono convinta, il risultato non cambierebbe, ma io, che dissento, avrò il diritto di dichiararlo nonostante sappia che è una battaglia persa senza farmi dare della reazionaria bigotta o no? Perchè tu che voti secondo i suggerimenti di un partito ritieni di essere libera nelle decisioni e io che in questo caso ho seguito l’indicazione della chiesa invece sarei stata “condizionata”?
    Poi, dato che ho spirito critico (e non credere, la gente è meno bigotta e cretina di quanto si creda), se mi dicono che a un prete che stupra un bambino lo spostano di parrocchia e amen dico no: il prete è un cittadino e se commette un reato va in galera. Ma anche lì, si demonizza tutta la categoria. Eppure di pedofili ce n’è tra gli avvocati, i medici, i muratori ecc. ecc. Credimi, il mio primo approccio con la pedofilia risale a quando avevo sei anni, so di cosa sto parlando, fosse stato un prete non credo mi avrebbe danneggiato nè più nè meno. I preti sono uomini, non miti, sono imperfetti e sbagliano e quando succede vanno giudicati con la stessa severità degli altri, ma non c’è da scandalizzarsi più di tanto.
    Chiedo scusa per la lungaggine, forse ho un po’ divagato, ma erano cose che sentivo di dire e comunque grazie per contraddittorio intelligente!

  5. lo sai che più ti leggo e più ti ammiro?
    Non scherzo… allora a parte il fatto che il mio essere d’accordo con la legge sull’aborto non mi mette dalla parte di chi crede di sapere cosa sia… nel senso che io non so se mai sarei capace di farlo, ma non per questo mi sento di dire che è un peccato o che è un omicidio! Non credo sia una passeggiata, tutto qui, ma sono dell’opinione che le donne abbiano il diritto di scegliere e di convivere poi con la loro coscienza. Conosco chi ha dovuto (non aveva sul serio scelta, anche se tanti possono obiettare che una scelta c’è sempre, ma alla fine darlo via a sconosciuti oppure tenerlo e tenerlo male… è una scelta si, ma c’è chi non ha tanto coraggio purtroppo…) e ancora oggi dopo più di 30 anni ci pensa… e ci pensa! Quindi sicuramente io credo che sia un diritto della donna, ma anche un diritto per i bambini, che al giorno d’oggi, grazie alle leggi sull’adozione , raggiungono l’età adulta negli orfanotrofi… e che poi vanno a cercare comunque la mamma naturale per tutta la vita… ma ok… qui si discute su una cosa che non é quello che volevo dire. Io non contesto i cattolici, ma conosco bigotti che, pur avendo ideologie che simpatizzavano con partiti di sinistra, in ultimo non hanno votato quello che volevano, perchè il prete gli ha detto che non era giusto (queste le loro testuali parole) e per me certa gente è imbecille tanto quanto quelli che votano un partito e poi qualunque cosa faccia lo difendono (e ahime succede sia a destra che a sinistra). Hai ragione quando ho votato ho votato per quello che sentivo dire dai politici, anche se con molto scetticismo visto che ero ben consapevole che in periodo di campagna elettorale ti promettono anche il mondo… e anche perchè ho pensato di votare il male minore. Di astenermi (mi é passato per la testa) non mi andava perchè il diritto di voto è un diritto di cittadino! Ma… mai e poi mai voterei un partito perchè qualcuno mi dice di farlo e alcuni bigotti (uso questo nome non per denigrare i credenti, credo anche io in Dio) si, e li ho sentiti con le mie orecchie! Questo per me è prova non solo di colossale ignoranza, ma di mancanza di rispetto per se stessi e per le proprie idee!
    Non sono antireligiosa… ne mi considero laica… non mi piace l’istituzione della Chiesa… la trovo estremamente ipocrita per tanti versi… dal combattere la povertà a parole invece che mettere a disposizione le loro grandi ricchezze, loro che dovrebbero aver fatto voto di povertà (ma sono un po’ ignorante in materia quindi potrei anche aver scritto un’enorme cazzata)… mi lascia allibita il fatto che dopo tutte le scoperte scientifiche loro ancora credano nelle favole… mi lascia atterrita il fatto che una mia amica sposata con un mussulmano, faccia fatica a battezzare suo figlio in un’intera regione… insomma… non so che dirti potrei andare avanti sulle ragioni perchè non simpatizzo con il clero e con il fanatismo delle religioni (non solo la nostra!!!)…
    Per quel che riguarda i pedofili siamo della stessa stessa opinione… per me un pedofilo prete, agnostico, ateo, laico ecc. rimane inesorabilmente un’essere che non riesco a definire con una parola che non offenda ne il regno animale, ne vegetale, escrementi vari e nemmeno gli organi riproduttivi maschili… e (se pur piccolo) anche io da piccola ho avuto un esperienza con la pedofilia – niente di tragico – ma sicuramente non lo dimenticherò mai…

    Ma…
    (mi scuso con tutti se questo commento non finisce più) ripeto quello che ho scritto all’inizio del commento… più ti leggo e più ti ammiro!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: