3 commenti

RICREAZIONE

Maurizio CostanzoMea culpa, mea culpa, mea grandissima culpa.
Sono obbligato a esordire così perché questo sfogo nasce da una mia colpa, lo confesso: ieri sera ho visto 10 minuti del Maurizio Costanzo Show. Non me ne vogliate, sono già abbastanza incazzato con me stesso.
Ho una giustificazione: vagavo sul satellite tra "Cops" e "Come è fatto" (ieri mostravano come si producono i chiodi filettati e gli occhiali in policarbonato), sono poi passato a un documentario su Auschiwitz (la fuga di due prigionieri che nel 1944 riuscirono a fuggire e a raccontare al mondo cosa accadeva lì) e durante una pubblicità comune ai tre canali ho zappingato sui canali tradizionali imbattendomi nell’ipnotico tricheco.
Se non ho capito male c’era un genitore che raccontava la morte del figlio in un cantiere e appena dopo aver terminato, il Costanzone nazionale, con la sua proverbiale delicatezza da macellaio, ha detto: "Aho, io devo fa’ parti’ la ricreazione. Se volete usci’, uscite. Se no rimanete, ma io la devo fa parti’!"
In pratica un avvertimento, ed effettivamente lo era perché si è presentato un signore in divisa con un cappello con su scritto Bidello, che ha pigiato un tasto annunciando la campanella della "ricreazione".
Cosa è successo dopo? Dio ci perdoni… una band spompata, al centro del Parioli, ha "suonato" un mix dei Blues Brothers e il pubblico ha cominciato a ballare, invasato, davanti alle telecamere.
Sembrava di assistere al veglione di Villa Arzilla, era pieno di vecchietti che buttavano coriandoli e si dimenavano tra le poltrone agghindati con corolle di fiori al collo che vista l’età apparivano come sinistri presagi. Un paio di nonne, soffiando a ripetizione nelle lingue di Menelik, sono clamorosamente svenute (o schiattate?).
E a condurre le danze c’era lui, sul palco, che microfono alla mano invitava a divertirsi, a scatenarsi. Un vero e proprio speaker da discoteca! E quando la band ha finito il pezzo li ha fatti ricominciare di nuovo, gli piaceva da morire!
Poi è rientrato il bidello (probabilmente l’Amministratore Delegato di qualcuna delle sue società) che ha annunciato la fine della ricreazione, ha suonato la campanella e sono partiti i "consigli per gli acquisti".
Era tanto che non lo vedevo, anni. Ma era la stessa trasmissione degli "Uno contro tutti" con Carmelo Bene e Aldo Busi, con Vittorio Sgarbi e Di Pietro? E’ lo stesso che ospitava sconosciuti come Valerio Mastandrea, Stefano Nosei, Francesco Paolantoni, Luigi Attrice, Dario Vergassola, Federico Salvatori? Era lo stesso delle bombe di mafia? Delle puntate congiunte con Santoro?
Voglio solo sapere se era lo stesso programma, poi prometto che continuo a vedere come si produce il cibo per gatti o i marshmellows, giuro!
Saluti Costanti, G.

Annunci

3 commenti su “RICREAZIONE

  1. La trasmissione è la stessa…
    Lui è lo stesso…
    Forse siamo noi che non siamo più gli stessi!
    Meglio un bel doc sul cibo dei gatti!

  2. Come ti capisco. Ma questi sono i pericoli cui si va incontro cambiando programma. Meglio l’accoppiamento lesbico delle termiti.

  3. Secondo me il vero Costanzo è morto da anni, questo è solo un clone ammaestrato dalla De Filippi.
    😕

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: