4 commenti

ITALIAN DREAM

Italian dreamIl Nuovo Cinema Aquila, sequestrato alla criminalità organizzata, viene restituito ai cittadini e alla vita culturale della città. Il Cinema è gestito da una Cooperativa Sociale. Ieri sera, nell’ambito degli eventi per l’inaugurazione di questo nuovo spazio c’era la proiezione del film “Italian dream” di Sandro Baldoni. Come molte pellicole italiane anche questa ha faticato non poco a trovare una distribuzione, ma il Nuovo Cinema Aquila mette a disposizione gratuitamente una delle sue sale per promuovere il film! È previsto un incontro con il regista, un paio di domande e la proiezione. Entriamo. Il poster del film di Baldoni è stato appiccicato su quello più grande di Indiana Jones, un tocco di classe! Al bancone della cassa una signorina invita a testimoniare la propria presenza lasciando nome, cognome, email. La cosa assurda è che ognuno deve scrivere i propri dati su un foglio A4… Uno spreco di carta inutile. Ci invitano ad entrare per prendere posto, sono in ritardo, devono proiettare un cortometraggio e poi c’è il film. La sala è piccola ma è stata concepita da un genio! È piena di poltrone, circa 50 fin sotto lo schermo, a circa un metro. La prima fila in realtà è parte dello schermo stesso! Inclino la testa di circa 90° all’indietro… Inizia il corto. Evito qualsiasi commento. Si accendono le luci. La sala è piena ma sono ancora molte le persone che devono entrare e trovare un posto che non c’è. L’organizzatore bofonchia qualcosa, poi tra lo stupore generale dice: “Scusate, non è che qualcuno di voi… magari deve andar via? No, eh? Certo, averlo saputo prima che venivano tutte queste persone…”. (???!!!) Parte un applauso ironico con tanto di complimenti per la bella organizzazione. L’organizzatore replica dicendo che non si aspettava una tale affluenza di pubblico e che comunque hanno messo a disposizione gratuitamente la sala! Che tristezza! Come si fa a non sapere che solo una troupe cinematografica è composta da un minimo di 30, 40 e più persone?! E tu organizzi la proiezione nella sala-stanzino, senza far uscire il pubblico delle precedenti proiezioni?! Lo strano gestore, nonché operatore video della simpatica seratina, chiama il regista sotto lo schermo per spendere due parole sul film. Ma non sarà lui a formulare le domande, bensì un’altra persona. Si avvicina un tipo… impresentabile! Va bene la solidarietà sociale, ma tutto ha un limite. Il personaggio è in tuta, ha una maglietta sudicia, unta, ma soprattutto non sufficiente a coprire l’enorme pancia che lo precede. Accende il microfono e con un agghiacciante difetto di pronuncia (al confronto Muccino ha una dizione perfetta) inizia il dibattito dando del giovane regista italiano ad uno uomo di circa 55 anni… Il regista schiva a testa bassa l’imbarazzo del momento. Parla senza rispondere ad alcuna domanda. La presenza dell’intervistatore è sempre più inutile e nociva. Arriva anche l’attrice, nonché moglie del regista. Le viene dato il microfono accompagnato da un “di qualcotttzzza tzul film”. Anche lei è molto brava a reagire all’idiozia surreale che aleggia nell’aria. Un “basta” del regista (cosa avrà voluto dire?) chiude l’incontro. Si spengono le luci. Mi riposiziono con la testa inclinata all’indietro tipo contorsionista bulgaro. Improvvisamente un vento gelido della Siberia pervade la sala. È l’aria condizionata. Non so come, ma resisto e riesco a vedere tutto il film. Bello. Se potete andate a vederlo, ma al cinema Fiamma. Usciamo. Mentre penso che forse sarebbe meglio restituire il cinema Aquila alla criminalità organizzata, mi accorgo che sto guardando le stelle… Ci vorranno alcune ore per riportare il collo ad una posizione naturale. Il mio Italian Dream? Non è Italian!

Annunci

4 commenti su “ITALIAN DREAM

  1. La voglia di scrivere un post sull”assurda situazione era venuta anche a me, ma solo tu potevi raccontarla così bene!E farmi ridere invece di piangere!
    C’ero anch’io, surgelata e ranicchiata nella poltrona accanto alla tua!!
    Ti sei dimanticato di dire che il formato della proiezione è cambiato tra primo e secondo tempo.Perchè?Indovina un pò…si era sbagliati!!!
    Comunque l’intervallo è stato utile perché abbiamo potuto vedere (e contare!) tutti i forellini che ci sono sullo schermo di un cinema!Sono privilegi non da poco!
    Ma possibile che in questo paese ogni nuova iniziativa, anche la più eclettica e promettente, si perda nei meccanismi della burocrazia, del clientelismo, degli interessi puramente economici?
    Questo modo di fare approssimativo, in cui tutto è improvvisato e tutti si improvvisano in ruoli che non gli competono, è ormai la norma.
    Ecco… la competenza, la giusta preparazione, le capacità personali, non contano più niente in questo paese.
    Non ho dubbi: i malavitosi che gestivano la programmazione porno dell’Aquila avrebbero avuto più classe nel presentare l’ultima opera di Moana Pozzi o Rocco Siffredi!!!

  2. mi piace il tuo blog ripasserò con calma

  3. Grazie! Quando vuoi! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: