14 commenti

SUONI D’ORO

_42824291_loop_nasa_203

“…Le esplosioni solari generano immense spire di calore rovente, i looping magnetic fields, che emettono onde acustiche molto simili al suono emesso da un organo a canne”. Avete mai pensato ai 5 suoni (esclusi quelli musicali) che più vi danno piacere? Nel blog dello sfogo sacrosanto e purificatore, una proposta alternativa alle parole. Chiudete gli occhi, respirate lentamente e fatevi emozionare dai ricordi.

I 5 suoni che amo di più (in ordine sparso…):

– il suono dell’acqua smossa dal beccheggiare di una barca attraccata al porticciolo

– il suono lontano dell’aspirapolvere la domenica mattina

– la ruota della bici che scorre sull’asfalto

– lo scoppiettio del fuoco di un camino acceso quando fuori piove

– il silenzio

Annunci

14 commenti su “SUONI D’ORO

  1. -il rumore del mare “quando c’è mare”, al pozzo del diavolo
    -il silenzio dei grilli, di notte in campagna
    -il rumore della brace delle luchy strike quando aspiro
    -la pioggia sulle foglie (sembra banale e “d’appendice” ma è vero)
    -le fusa della puce

  2. Il fruscio di un grande sipario rosso che si apre lentamente su un Teatro e tu sei sul palcoscenico in attesa del silenzio assoluto e da quel momento sei il padrone del mondo. Magia… E poi la notte in riva al mare quando senti l’acqua che delicatamente arriva sulla sabbia e ritorna indietro portando via il pietrisco della riva….Poesia… E d’inverno, la mattina, lo sbuffare della moka in cucina….La voglia. E infine la sirena della nave che fischia la partenza per la tua isola del desiderio. Un sogno…

  3. il suono della neve che cade sul tetto (vivo in mansarda)
    il suono di un temporale
    il suono di un bimbo che ride di gusto…
    basta che sia un suono di… VITA!

  4. – Il suono della martellata che colpisce anche da lontano l’aspirapolvere della domenica mattina 🙂
    – Il chioccolio dolce di una fontana
    – Il ruggito di un mare forza 7 che affronta le scogliere
    – Il romantico scoppio di un vecchio Guzzi Falcone 500
    – E poi un suono sublime e raro, quello della “Verità” (perché ogni tanto qualcuno riesce ancora a raccontarla…)

    Omaggi audiometrici, G.

  5. Ed ecco i miei di rumori preferiti:
    -Il suono del vento in faccia
    -Il suono di una chitarra elettrica incazzata
    -Il suono di un uccello che vola libero nel cielo
    -il suono della mia moto che corre lasciandosi tutto dietro
    -il suono della non indifferenza
    Buona musica a tutti….

  6. il suono della risacca quando la spiaggia è deserta
    il rumore dei sassolini sotto i piedi nei viali alberati e all’ombra
    il suono del vento fra gli alberi
    il suono della civetta la notte
    il falco quando fischia contro il cielo blu cobalto
    il suono dell’amore sincero
    il suono di una voce amica
    il rumore dell’autobus alle 5 di mattina che mi dice EHi un altro giorno…

    🙂

  7. 1. Lo scricchiolìo iniziale della fiamma di un fiammifero;
    2. Il rumore di passi veloci in un vicolo illuminato da luce gialla;
    3. Il sibilo gracchiante della puntina su un vecchio elleppì;
    4. Il suono di un gemito;
    5. Il fruscio delle pagine di un buon libro.

    e 6. Lo sciabordio delle onde sulla battigia.

    Bel post. Complimenti.

  8. I miei cinque suoni preferiti

    Il fiammifero
    Le fusa dei gatti
    La faggeta
    Il ritmo di una percussione
    Il tasto di una vecchia olivetti

    I miei cinque suoni preferiti (versione per adulti)

    Il rollio… di una canna
    La puntina su un vecchio 33 giri
    Una bottiglia stappata
    Il cin cin
    Una zip che si apre

    Suoni d’oro a tutti!!! 🙂

  9. – la risacca, il mare
    – il silenzio
    – le risate dei bambini
    – lo scoppiettio della legna che brucia
    – il respiro di chi amo

  10. bella la zip e bello il suono del respiro di chi si ama…
    baci:-)

  11. -il suono del telefono quando parte la suoneria abbinata a chi dico io.

  12. I grilli e le cicale, la domenica pomeriggio, quando si è mezzi addormentati e rilassati.

  13. Il suono delle campane la domenica mattina.
    Il canto del gallo alle 4 e 30 del mattino.
    Il vagito del bambino che cerca la sua mamma.
    Le risate dei miei bambini.
    Ciao Greeneyse

  14. Ecco i miei preferiti:
    – i suoni e i rumori di pentole, cibo e fornelli mentre cucino una cena prelibata.

    – suoni ed echi lontani del mondo esterno mentre nuoti sott’acqua.

    – il click di una macchina fotografica e subito dopo il rullino che scorre verso il prossimo fotogramma da scattare (con il digitale lo abbiamo perso…sigh sigh!).

    – il suono dei nostri baci.

    – le risate condivise con gli amici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: