10 commenti

CIAO RICHARD

Pink Floyd - The WallAvevo dieci o undici anni e per la prima volta ascoltai tutto l’album “The Wall”. Ascoltai in silenzio, estasiato. Ricordo, come se fosse ora, che le note di “Hey you” mi sconvolsero profondamente, un impulso al cuore e al cervello. Senza capire una sola parola, quasi stordito, mi ero innamorato dei Pink Floyd! Oggi, la notizia della scomparsa di Richard Wright mi ha catapultato indietro nel tempo, a quella prima volta, al mio primo ascolto. In quel preciso momento le note diventavano visioni… Stupore. Da quel giorno qualcosa in me è cambiato.
Time is gone, the song is over, thought I’d something more to say.
Annunci

10 commenti su “CIAO RICHARD

  1. che dire…
    un pezzo di storia della musica che se ne và-

  2. Alla notizia della morte di Richard Wright ho ascoltato l’intero album dei Pink Floyd con il quale ho percorso tutta la mia gioventù e ho pianto. Il cielo ha perso una stella, noi abbiamo perso un mito, ma la sua tastiera suonerà in eterno.

  3. Spettacolo, i Pink Floyd…
    Io purtroppo li ho conosciuti relativamente tardi rispetto ai loro album, la prima canzone in assoluto che ho imparato a memoria, mai sentita loro, è stata Wish You Were Here. Non sapevo neanche fosse loro, avevo 12 anni. Poi un paio di anni dopo ho scoperto chi fossero… Ne hanno fatte, di meravigliose “creature”… 🙂

    Anche io mi associo all’addio…

  4. la musica ha questo potere… così come la lettura… dare consapevolezza.
    🙂

  5. Quelle emozioni, come vedi, non vanno via, però.

  6. @dafnefairy
    Già… un po’ troppo presto! 😦
    @tipota
    Ora è tempo di leggenda!
    @gargattina
    Purtroppo anche io li ho conosciuti tardi… ma ho fatto in tempo a vedere qualche concerto ed è con la loro musica che ho cominciato a strimpellare la chitarra!
    @SimplyMum
    Esattamente… la consapevolezza… Mi fai venire in mente un’altra triste scomparsa, lo scrittore David Foster Wallace, se uno come lui ha scelto il suicidio, ho l’impressione che la consapevolezza stia diventando molto difficile da sopportare! Come le note di R.Wright, così mi mancheranno le parole di D.F.Wallace.
    @matto81
    No, no, anzi… le sento sempre più vive! Che peccato però…

  7. Complimenti per il post.
    Senza la sua tastiera non ci potranno essere più i Pink Floyd.
    Anch’io l’ho ricordato nel blog di un amico.
    Allego il link se vorrete lasciargli un ricordo anche lì.
    Ciao Rich.
    Gio.

  8. sono entrati nella storia, sono e saranno immortali…questa è la forza di quanto hanno fatto e lasciato a noi e a chi verrà dopo di noi.

    ps:adesso la ragazza misteriosa che fuma nascosta dietro alle tapparella abbassate,lascia le sigarette sulla finestra…

  9. Mi unisco al coro….
    E’ finita un’epoca.
    I Pink Floid senza Wright sarebbero come i Queen senza Mercury….

  10. Che bello… suoni la Chitarra! Avrei sempre desiderato apprendere a suonare uno strumento musicale, uff… 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: