11 commenti

SOTTO STRESS

Stress113, non risponde nessuno, squilla, squilla, squilla….
115, rispondono ma non vengono, dicono di chiamare i Carabinieri.
112, rispondono e dicono di chiamare i Vigili Urbani e l’ufficio d’igiene.
Richiamiamo i Pompieri, ma il fatto che una signora anziana, malata, invalida al 100%, costretta a letto, si ritrovi improvvisamente senza luce a causa di un’infiltrazione di acqua dal piano di sopra non è un motivo sufficiente a far intervenire qualcuno delle forze dell’ordine. Il fatto che il letto, la poltrona, le tapparelle, la caldaia, e qualsiasi altro marchingegno che funzioni ad elettricità sia inutilizzabile, non è motivo di preoccupazione! Il fatto che il vicino sia un pezzo di merda non è affare dello Stato! Piove acqua da Luglio e l’Istituto che ha in gestione le case, dopo telefonate, fax e fonogramma dei pompieri, da Luglio, ha mandato due giorni fa i “tecnici” a fare delle foto!
Ora basta! Cosa devo fare? Cosa devo fare perché qualcuno presti attenzione a questa situazione? Devo forse andare personalmente dagli amabili vicini e convincerli a suon di ceffoni e bastonate che devono chiudere quel cazzo di rubinetto?! Dovrei, forse, prenderli a calci nel culo e ficcare le loro teste di cazzo nella tazza del cesso per fargli osservare il problema più da vicino?! Forse solo facendomi arrestare catturerei l’attenzione di chi finora s’è girato dall’altra parte! Ma perché mi devo fare arrestare? Poi per un attimo mi appare il Gabibbo! Ora chiamo Striscia! Un istante dopo realizzo che soltanto il pensiero di chiamare il grande pupazzo rosso è la più grande delle sconfitte! È la prova evidente della totale assenza delle istituzioni… qualsiasi! È la conferma, scontata, dello Stato d’inciviltà in cui siamo costretti a vivere!

Annunci

11 commenti su “SOTTO STRESS

  1. Che rabbia!!! Ma si può???????

  2. è veramente una situazione sconcertante…. beh se però il gabibbo funziona potresti farlo per la vecchia invalida…..

    buona giornata

  3. si passano il problema l’uno con l’altro—-
    nessuno più si prende la briga di far funzionare meglio le cose che non vanno.

  4. CALMA. CALMA PER CARITA’.
    Forse conosco la ” vecchia invalida ” di cui parli e ti sono vicino, ma conoscendo bene anche te e volendoti bene ti prego di mantenere la calma. E’ la prima volta che ti sento così ARRABBIATO e hai fatto bene a sfogarti. Questo Paese ( che una volta era chiamato il BELPAESE ) ormai da anni è diventato invivibile. Troppe cose non funzionano per le tasse che paghiamo. Non resta, come tu hai detto tante volte, che emigrare. Lontano da Roma e dal Papa. Un abbraccio.

  5. Io sono rimasto a casa tipo leone in gabbia… ma i fatti hanno confermato la saggezza della scelta! Per la cronaca, la mattina dopo due poliziotti hanno chiamato i vigili del fuoco, i quali in cinque minuti hanno isolato la corrente del bagno e ripristinato il resto della casa… Ce voleva tanto?

  6. Ora che la situazione si è quasi normalizzata, ci tengo a precisare, anche nei miei interessi, che la ” vecchia invalida ” come la chiama “damnatio4sale” e ” anziana invalida ” come la chiama Zot, non è affatto tale! E’ da ritenersi una gentile signora di ” una certa età ” purtroppo invalida. MA NON E’ NE ANZIANA NE’ VECCHIA ! Questo per la precisione, visto che abbiamo la stessa età. Ed è la prima volta che lo confesso per solidarietà di categoria! ( Sigh… per me e per lei…) 😉

  7. Tipota…hai confessato!Non ci posso credere!!Vedi la rabbia per la nostra impotenza di fronte a certe situazioni cosa fa succedere…addirittura una confessione pubblica!
    Il vero problema non sono le categorie anagrafiche ma quelle mentali, ben più difficili da oltrepassare…

  8. @ giraffamatta
    Un momento di rabbia e debolezza, accidenti a me!!!! Sgrunt..tzzz..,bha!

  9. Ne parlavamo proprio su questo blog, qualche post fa.

    Siamo il Paese dove il tribunale più credibile e rapido è quello del giudice Sante Licheri, il Paese dove il Pubblico Ministero più famoso è il Gabibbo, il Paese dell’indulto quando le carceri sono piene, il Paese dove ti mettono in galera mentre sei in attesa di essere processato e ti liberano non appena il giudizio è finito, magari con una condanna.

    Se avessimo stima della nostra Giustizia, avremmo anche fiducia in coloro che la dovrebbero far rispettare.

    Purtroppo le cose non stanno così, con le solite, rare e politicamente corrette “eccezioni”, e a farne le spese sono sempre i più deboli.

    Omaggi cavillosi, G.

  10. E’ bellissimo come il 113 certe volte se ne infischi di rispondere al telefono… Anche a me è capitato in diverse occasioni, una anche grave… Che bello.
    E poi questo spalleggiarsi il problema… Una volta, per fortuna per una cosa meno grave, ho chiamato i vigili urbani per una rampa d’uscita dal raccordo, zona Cassia, dove ci sono i lavori: il jersey di plastica (io pensavo fosse pesante!!!) messo a divisione della corsia provvisoria della rampa, era stato rimosso da qualche genio e per questo era diventata una “nuova corsia d’immissione” per chi avesse preso la corsia d’uscita dal raccordo e magari si fosse accorto d’aver sbagliato… Così chi invece scendeva per immettersi sul raccordo si sarebbe potuto trovare qualche genio in immissione sulla rampa, in curva, senza preavviso!!!

    Ho chiamato i vigili che mi hanno fatto prima parlare con un operatore, che mi ha poi passato il municipio di competenza , per poi chiamare la stradale, la quale poi mi ha detto di richiamare i vigili ma mi sono opposta, e poi mi hanno finalmente passato chi di dovere (che mica ricordo più chi fosse…)… Insomma, ho dovuto spiegare la faccenda a 5 persone diverse, ma alla fine per fortuna il giorno dopo il jersey di divisione era al suo posto…
    La sicurezza stradale prima di tutto! 😉
    Però, io perché sono una che se si mette in testa una cosa, soprattutto a “protezione altrui”, continuo e persevero finché non ci riesco… Sai quanta gente magari ha provato a chiamare e al primo passaggio di consegne, per così dire, ha attaccato perché non ha tempo da perdere?! Mah…

    :(((

    Comunque, consiglio: persevera! 🙂 Andrà bene, vedrai… Mi spiace tanto però…

    Hai provato a parlare con MOOOLTA calma a queste persone, i vicini? Di che quartiere si tratta?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: