4 commenti

QUI, QUO, QUA E IL FALÒ INDIANO

Le Avventure dei Paperi Dopo le prime banali apparenze, sta finalmente emergendo la verità su quanto accaduto a Nettuno. Non sono stati i tre ragazzi fermati, (uno di 29 anni sposato con figli!) a bruciare per divertimento il ragazzo indiano che dormiva vicino la stazione. Si tratta di un grosso equivoco! Il più giovane ha detto che appena ha visto le fiamme ha subito buttato dell’acqua sopra l’indiano, gli altri due non erano presenti, uno stava in macchina, l’altro forse passava lì per caso, comunque se c’erano hanno fatto di tutto per spegnere l’incendio. Praticamente si è trattato di uno quei frequenti casi di autocombustione indiana, i tre non hanno fatto altro che tentare di salvare il poveretto. Ora si cerca solo la testimonianza di Paperoga e per il commissario Basettoni il caso è chiuso.
Annunci

4 commenti su “QUI, QUO, QUA E IL FALÒ INDIANO

  1. Ma è ovvio!
    L’indiano era certamente ubriaco e, al culmine della sua licenziosa ed oscena ebbrezza, si è cosparso di vino rotolandovisi dentro voluttuosamente. Nel far questo, l’infame, fumava una sigaretta (anzi… dicono fumasse addirittura uno spinello!!!). Com’è ovvio, i suoi abiti di infiammabilissima fibra sintetica si sono incendiati e… a nulla sono valsi gli sforzi dei nostri eroi…
    Paperoga

  2. Sono d’accordo con Avedon… ero lì quando è successo e ho visto tutto!
    Ora… sarà dura prendergli le impronte digitali…
    Che disdetta…
    Povero ragazzo chissà che trauma che deve aver sofferto mentre correva a cercare l’acqua per spegnere il fuoco…

    Che rabbia…

  3. Veramente se ne sentono di cose assurde, chissà cosa fa scattare tanta violenza gratuita. Demenzialità al cubo…
    Io a queste persone le ammorbidirei facendoli mettere ai lavori forzati a fine giornata, penso che non avrebbero energia per nient’altro che cenare e andare a letto. Mah..

  4. certo le cose assurde si sentono solo qua in italia;facciamo entrare ogni razza ed etnia e poi ce ne prendiamo gioco in questa maniera crudele…
    Che vergogna come si può decidere della vita di un altro?che schifo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: