9 commenti

LEGÁMI

PellicolaDifficile andare indietro con la memoria verso i primi ricordi della propria esistenza. Guardare le fotografie in questo caso non aiuta, si rischierebbe di costruire finti ricordi. Allora bisogna sforzarsi, cercando di ripescare un frammento, un dettaglio, anche piccolo, ma che sia un ricordo vero e del tutto personale. Le prime tracce della propria esistenza. Il ricordo di un’immagine, un odore o magari un suono, qualunque sfumatura che possa testimoniare la mia presenza in un luogo e in un tempo. Ho dei ricordi in movimento, dei flash rapidissimi, sequenze graffiate come un vecchio super8 in bianco e nero. I ricordi sono come spezzoni di pellicola, ogni tanto bisognerebbe rispolverare il proiettore e concedersi una visione, per non perdere la memoria!

Annunci

9 commenti su “LEGÁMI

  1. C’era un salone nella mia vecchia casa dell’infanzia, che mi metteva paura, era troppo grande per me e quasi sempre al buio. Quando passavo davanti alla porta, di sera, avevo un certo brivido, ma non l’avevo confessato mai a nessuno . Una sera lontanissima, mentre i miei erano in cucina, mi feci coraggio e aprii la porta del salone ,me la richiusi alle spalle e tremando come una foglia , al buio pesto, e rimanendo con le spalle attaccate alla porta pensai : “Ce l’ho fatta! Sono qui dentro da solo e al buio. Non ho più paura. Oggi è il mio settimo compleanno !!” Subito dopo corsi in bagno! Poi, sempre intorno a quell’età, mi ricordo l’odore del panino con la frittata che mia madre mi ficcava nella cartella la mattina prima di andare a scuola e quando sistemavo il quaderno sul banco quell’odore si mischiava all’odore acre della carta dei libri e diventava sublime. Tutte immagini sbiadite dal tempo ma che aiutano a sopportare il peso degli anni. C’è solo il rischio di ricordare troppo.

  2. ..forse il mio più grande difetto è quello di vivere nei ricordi…Io adoro riguardare le fotografie viste e riviste…;forse perchè inconsciamente vorrei poter tornare indietro in certi momenti che sono stati bellissimi(famiglia,amici,croce rossa,ex amori ,amori..)
    Scrivo da una vita un diario cartaceo(sono al 44esimo);faccio molto introspezione,i miei sentimenti più nascosti e scrivo ogni cosa perchè non voglio dimenticare niente…Tutto voglio che rimanga impresso nella mia mente..Come cantavano i nomadi”…Ma che film la vita tutta una tirata

    storia infinita a ritmo serrato

    da stare senza fiato.

    Ma che film la vita tutta una sorpresa

    attore, spettatore tra gioia e dolore

    tra il buio ed il colore…”

  3. Spesso mi capita di tornare indietro con la memoria, semplicemente percependo un odore.
    Odori che evocano sensazioni e ricordi piacevoli, che alla prima annusata già perdi la cognizione del tempo.

  4. Quando annuso il profumo di kenanga o meglio conosciuta come ylang ylang, mi fa venire in mente la mia infanzia, la mia terra e soppratutto al giardino di nenek (nonna in indonesiano).
    Metteva sempre qualche fiore tra i suoi capelli lunghi e bianchi per renderli profumati.
    Ho passato tante ore insieme con la mia cara nenek, nella sua vecchia casa e nel suo giardino, tante quante erano preziose. All’inizio mi divertivo solamente ad aiutarla mentre seminava e anaffiava le sue piante ma lentamente si era trasformato in una vera e propria passione. Non era l’unica cosa che mi aveva trasmessa.
    E lì nel suo piccolo mondo, in mezzo alle piante e la terra fra le mie mani, mi aveva trasmessa la piu profumata lezione della vita: il rispetto, il rispetto per la natura e come prendersi con cura e attenzione gli altri.

  5. ciao
    ti ricordi di me?
    Sto scrivendo un messaggio a tutti i miei amici blogger.
    Il mio nome nella realtà è
    Agnese Rinaldi.
    Il mio sogno si chiama
    “come un truciolo di legno o freddo marmo”, spero possa piacere anche a te
    è su google e sarà nelle librerie.
    Perciò il messaggio più forte che vorrei gridare al mondo è:
    CREDETE NEI SOGNI, SEMPRE.

  6. da piccola ci pensavo spesso e siccome non volevo perdere i miei ricordi nei momenti vuoti passavo il tempo a rispolverarli… il primo ricordo risale al passeggino…quindi ora non so se certi ricordi sono del tutto reali o ricostruzioni fatte da piccola…ma alla fine mi va bene lo stesso, c’è chi dice che la realtà sia tutta una costruzione…

  7. Grazie per i vostri ricordi!
    Vedo che siamo in tanti ad annusare il passato!
    🙂

  8. ..nel baule dei ricordi
    ho solo frenetiche mani, parole usate,
    foto ingiallite, qualche promessa dimenticata,
    l’ultimo nome che ho dato all’amore,
    e un cimitero di sogni.

  9. Mah! Io sarei per la fisiolofia della libera rimozione. Il nostro cervello sa cosa vuole ricordare e cosa invece no.
    Lascerei fare a lui, che sa come proteggerci!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: