13 commenti

ALL’OMBRA DI UN DESIDERIO

Un posto lontanoUn incontro casuale, un’insolita richiesta. Cercavi un posto lontano dove ridere ancora, un sogno invisibile, un brivido vero, o forse solo il calore di un abbraccio sincero. Parole non dette, che segnano passi ancora da fare. Una bugia in punta di piedi, una corsa sul prato, le radici di un albero. Salire più in alto, guardarsi negli occhi e poi urlare alle nuvole. Le mani che giocano, un sapore diverso, sentirsi tutt’uno con l’albero e il vento.

Annunci

13 commenti su “ALL’OMBRA DI UN DESIDERIO

  1. sembra una poesia! Una bella poesia!

  2. La natura, questo è.

    Asia

  3. Una promessa mantenuta, un bellissimo regalo. L’inizio di un cammino che porterà laggiù…all’ombra di un desiderio.
    Frà

  4. il mio piccolo ulivo sta per passare dal vaso al giardino

  5. leggendola con uno spirito diverso, si percepiscono milioni di pensieri.
    MV

  6. bello guardarti nel tuo amare la vita.
    nel tuo amare gli incontri.
    nel tuo amare..

    una carezza

  7. che invidia…
    io credo di non sentirmi così da secoli…

  8. Si dice che a volta i desideri diventano realtà…io ci spero….

  9. bella, si scopre una parte di Zot inaspettata,
    Condivido, questi attimi ci fanno vivere…

  10. Ho cercato un albero per tutta la vita
    E per la vita, l’avevo trovato, un albero
    A cui attaccare le mie radici e crescere insieme.
    Era un albero forte seppur provato e sferzato dal vento impetuoso
    Aveva degli aculei quell’albero, delle spine di dolore, ma io
    Avrei voluto abbracciarlo lo stesso, inconsapevole  del male che avrei potuto farmi.
    E delle ferite che avrei potuto procurargli.
    Rappresentava la MIA vita!
    Cercava, quell’albero, di abbracciarmi anche lui , a modo suo.
    Ma per una ragione naturale non avrebbe mai  potuto.
    Stava soffrendo e ho cercato di aiutarlo, ma ho sbagliato.
    Ho esagerato con le cure, con l’amore, con la passione
    L’albero , soffocato dalle mie attenzioni, ha cominciato a perdere le foglie
    E poi si è incupito.
    Ha cominciato a rinsecchire i suoi rami.
    Aveva bisogno del suo cambio naturale di stagione
    E io non ho saputo aspettare
    Era forte il desiderio
    Di  vederlo risplendere ancora.
    Ora è solo uno scheletro d’albero secco
    Senza più vita e nel ricordarlo piango
    Riconosco le mie colpe
    Resta solo la  speranza che il prossimo sole lo rinverdisca ancora
    E io possa, anche da lontano,ritornare almeno a vederlo
    Sapere amare non è cosa facile
    E per troppo amore si può distruggere l’Amore.
    Mi manca quell’albero, e ormai non ho più tempo per piantarne un altro
    Mi resterà solo il magnifico ricordo del suo tempo migliore.
    Guido tipota

  11. scusa ma ho sbagliato post. Naturalmente era per quello precedente, ma la foto dell’albero mi ha ingannato. Ciao

  12. scusa ma ho sbagliato "post" Naturalmente era per quello precedente IL TAGLIO, ma la foto dell’albero mi ha ingannato. Ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: