3 commenti

DOLCI AMAREZZE

L’ultimo spot dell’amaro Averna è straordinario. Un ritrovo di alcolizzati, probabilmente ex tossici, che si danno appuntamento per scolarsi litri di amaro in cerca di qualche allucinazione. E in effetti, grazie ad una “geniale” intuizione creativa, la casa si stacca dalle fondamenta per librarsi in volo grazie a delle abat-jour…(!) Nello spot non c’è traccia di cibo, non si vede una nocciolina, una patatina, un’olivetta, che ne so, due pizzette, un salatino, un tramezzino, niente! Soltanto bicchieri con ghiaccio in attesa di essere innaffiati dall’amaro. La festa ha inizio quando si comincia a bere l’amaro a stomaco vuoto e prosegue così per tutta la serata. Praticamente l’inno alla gioia della cirrosi epatica. Provate a organizzare la stessa cosa in una casa con un solo bagno, poi raccontatemi esattamente che cos’è che decolla. Ma che si sono fumati i direttori creativi della Saatchi & Saatchi? Complimenti allo spacciatore, che probabilmente è lo stesso che rifornisce pure i creativi dell’amaro Montenegro, visto che anche la loro ultima creazione pubblicitaria è imbarazzante. Stavolta la missione è ancora più surreale, dopo il salvataggio di cavalli, falchi, tori e vasi antichi, ora bisogna salvare un gruppo di musicisti, con tanto di strumenti e pianoforte, abbandonati su una specie di zattera in mezzo al mare… Idea stupefacente! Per i futuri spot mi permetto di suggerire il salvataggio di un pittore intrappolato in una miniera, oppure quello di uno scultore rimasto chiuso in un ascensore. Di fronte a cotanta creatività il misero spot dell’amaro Lucano è di una banalità quasi urticante che non merita nemmeno di essere citato.

Amareggiato dalle mie riflessioni sulla pubblicità, entro in una caffetteria seguendo distrattamente il profumo amaro di una cioccolata bollente. Mi siedo e resto incantato dalla dolcezza di un profilo femminile, immerso in un’atmosfera che mi ricorda un quadro di Hopper. Decido di immortalare l’attimo e in un click si dissolvono tutte le amarezze.

Annunci

3 commenti su “DOLCI AMAREZZE

  1. Rieccoti!
    🙂

    (“L’inno alla gioia della cirrosi epatica” me la rivendo, comunque.)

  2. Ciao! Mi sembra di essere sopravvissuto a un teletrasporto… o meglio a un teletrasloco! 🙂 Felice di ritrovarti qui, rivenditela ma fai pubblicità 😉

  3. Beh, con Xanthippe siamo in due! Facciamo così bando alle pubblicità e godiamoci, quando possiamo, la bontà di un amaro o quella di un caffè speciale…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: